Lavia il Terribile

“Gabriele, prima di conoscerlo personalmente, lo avevo visto recitare nel Re Lear di Strehler e con Mario, Scaccia in Volpone, regia di Luigi Squarzina. Dava vita al tartufesco Mosca, protagonista della pièce, con un realismo direi cinematografico, che mi colpì immediatamente.

Mi chiamò per Otello, la sua prima regia, con Massimo Foschi e una Desdemona nuda sul letto di morte, con un seno stupendo!

Da allora ad oggi la nostra collaborazione e stata quasi ininterrotta e sono cinquantanove, gli spettacoli di Gabriele regista che ho fotografato, dei quali quarantasei come interprete. Un record direi! […]”

Tommaso Le Pera

 

“Fredrik, il balbuziente protagonista de Il pellicano di August Strindberg, succube di una madre che gli ha succhiato via l’esistenza, nuota in un mare di sangue rappresentato da un enorme drappeggio rosso che inonda il palcoscenico dell’ Eliseo di Roma. Come un grande sudario il drappeggio viene issato, è un muro rosso tirato verso l’alto da un meccanismo di carrucole che aggancia anche me, in platea, attraversata da un colpo di fulmine rosso sipario. Da quella sera il teatro entra nella mia vita per merito o per colpa di Gabriele Lavia. […]”

Anna Testa

 39,00  37,05

Sconto del 5%

Spedizione gratuita in Italia
per ordini a partire da 28,00 euro

Spedizione in 2-3 giorni lavorativi

Anno
2017
Formato
24 x 30 cm
Pagine
312
Copertina
cartonato
Lingua
Italiano
ISBN 978-88-99519-35-3